San Pantaleone

Cattedrale


Home Storia Cattedrale Culto Festa Foto Parrocchia Contatti

Cattedrale

L'antica chiesa di S. Pantaleone risaliva al X o XI secolo. La sua intitolazione al Santo orientale è indizio della presenza in loco dei monaci italo-greci, altresì testimoniata dal rinvenimento nell'archivio parrocchiale di libri scritti in greco, e da un altare dedicato a S. Caterina d'Alessandria, vergine e martire, che è un culto tipico del Cilento basiliano. L'edificio originario doveva essere molto piccolo, tanto da rendere necessario, nel 1700, a seguito di un forte incremento demografico della cittadina, la costruzione di una nuova chiesa ad essa adiacente. Nel corso degli anni l'antica Chiesa di S. Pantaleone - che nel 1604 contava tre altari (Maggiore, di S. Maria del Soccorso e di S. Pantaleone), e numerose cappelle (nel 1698 vengono registrate quelle di S.Caterina, della pietà, dell'Immacolata, dell'Annunziata e di S. Filippo Neri) - fu sostituita in tutte le sue funzioni dalla più grande e più moderna struttura, tanto da spingere, nel 1802, il Capo Eletto don Bonifacio Oricchio ad abbatterla. La nuova Chiesa - innalzata a Cattedrale nel 1851 con una bolla di Pio IX - nel corso degli anni ha subito numerosi restauri.
Sormontata da una bellissima cupola di piastrelle maiolicate, è costituita da una navata centrale e da due grandi cappelle laterali, poste sulla sinistra e sulla destra della croce formata dalla navata stessa. Intatto è il patrimonio delle opere d'arte ivi contenute; tra queste spicca una tela del 1843, posta dietro l'altare maggiore, che raffigura i miracoli di S. Pantaleone. Nella cappella a Lui dedicata vi è la statua rivestita d'argento del Santo Patrono, con le reliquie del sangue (sempre sciolto). Nella sala dei canonici si custodisce un crocifisso del 1500. Particolarmente bello è il trono in legno scolpito della Madonna del Rosario, che ritroviamo nella cappella di destra. Meraviglioso è l'organo realizzato da Silverio Carelli nel 1784, grazie ai fondi della Congregazione del Santissimo Sacramento. Lo stemma della Congregazione è ripreso nella parte centrale dell'organo, che è allocato nella loggetta sovrastante l'ingresso principale.

  L'organo
La Cupola
Il Mosaico
Le Statue
Il Quadro

Vallo della Lucania